Centro Olistico a Como Essenza dell'Essere

RUBRICA “ORIZZONTI ūüĆÄ APERTI” metodo 16\9

LA LUNA

Benvenuti alla seconda puntata della rubrica orizzonti aperti.

 

La luna fin dai tempi pi√Ļ lontani ha sempre affascinato l‚Äôessere umano, e le nostre memorie insieme ai miti sono collegate a lei.

 

Nella mitologia greca la luna possiede nelle sue quattro fasi principali il volto di quattro Dee.

 

Selene la luna piena, il raccolto.

Artemide  Dea della caccia, la luna crescente.

Ecate Dea della magia e degli incontri, la luna calante.

Perseide Dea dell’acqua, madre di Circe, la luna nuova, la semina.

 

La magia della luna piena è sempre stato un momento di stupore e attesa.

Mi ricordo di un viaggio avventuroso che ho fatto in Burkina Faso dove non essendoci  la corrente elettrica, le persone del posto aspettavano con entusiasmo e gioia l’arrivo della luna piena per cantare, danzare e festeggiare fino a tardi ed io con loro. 

 

La luna come ho condiviso la scorsa puntata è un pianeta morto, non può ospitare la vita.                                                            Recentemente su di lei sono stati ritrovati dei resti della terra e si suppone che un tempo sia entrata in collisione con il nostro pianeta diventando il suo satellite.

 

La luna diventa piena grazie al Sole che la illumina con la sua potente luce e ci dona ogni 29 giorni circa uno spettacolo nel cielo.

 

Il simbolo della luna nel  nostro tema natale rappresenta la vecchia personalità che abbiamo ereditato, ossia le fondamenta psicologiche di ognuno di noi.                                                          Cosa succede quando viene illuminata?

Tutto il passato grazie al sole emerge.

Sono diversi anni che nei giorni della Luna piena conduco gruppi di meditazione e di consapevolezza sull’effetto della luna piena sul nostro essere.

Non solo, sperimento  su di me le maree emotive che vengono smosse in questo periodo e le libero.

 

Quattro¬† giorni prima e quattro¬† giorni dopo la luna piena, le nostre memorie pi√Ļ antiche e¬† profonde ritornano a galla.

E’ come se vecchi¬† atteggiamenti, pensieri o situazioni passate¬† ritornassero alla luce.

 

Questo √® un¬† buon momento per ascoltare le acque pi√Ļ intime dei nostri abissi. ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Meditare e osservare senza giudizio queste correnti emotive e lasciarle andare.¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Liberare vincoli e legami ci aiuta a fare spazio dentro di noi per avere pi√Ļ energia solare a disposizione e¬† accogliere i doni del presente.

Quando le nostre acque emotive sono pi√Ļ calme e limpide lo sono anche i nostri pensieri, abbiamo pi√Ļ chiarezza di dove andare e pi√Ļ consapevolezza del nostro potenziale.

 

“Ti preoccupi troppo di ciò che era e di ciò che sarà; ieri è storia, domani è un mistero ma oggi è un dono.                                                                              

Per questo si chiama presenteūüôŹ

Kung fu Panda

CENTRO OLISTICO ESSENZA DELL’ESSERE

Centro Olistico a Como, località Lipomo